Home → Archivio → Tag → degrado
Leggi
3 2014 Set

I musei, la gente, e la rivoluzione attesa della cultura

Gli intellettuali “educatori” non hanno mai cambiato il mondo. Forse neppure migliorato. Quelli che vogliono educare il mondo, in genere, svaniscono nell’irrilevanza. Il mondo prende le sue strade, giuste o sbagliate che siano, e non si fa educare da nessuno. Se non da sé stesso.

Quest’apertura dal tono definitivo si addice ai beni culturali e all’eterno problema di come, pur ritenuti importanti, fondamentali, anzi essenziali, siano poi lasciati al decadimento, a una vita grama, senza (quasi) nessuna produzione di valore.

Possibile che tutto il danno stia nella mancanza di fondi? Pompei ha avuto una marea di soldi, la cui maggioranza è stata o spesa male o non spesa (e tuttavia i responsabili della programmazione, da cui dipende Pompei, sono sempre gli stessi…). Possibile che la decadenza dei beni culturali sia dovuta al mondo esterno, che non è sensibile, non dà risorse, e non dedica loro abbastanza attenzione? Non ci dobbiamo accontentare. Ci dev’essere dell’altro.

Un problema è già nel nome. Il concetto di beni culturali ha un significato limitato rispetto a quello di cultura. E il linguaggio tradisce sempre verità scomode. La missione di un programma pubblico nella cultura è promuovere la capacità d’inventare, di creare, di esprimere liberamente il talento; di favorire la creazione di opere nei vari campi dell’arte e di far in modo che la cultura raggiuga il più gran numero di persone, se non di tutti. Insomma, migliorare la vita della nazione, mettendoci sempre più bellezza.

Poi, anche il fine della bellezza non è (tanto) la sua ammirazione esteriore. È quando entra nel nostro mondo interiore, che ci cambia davvero. La cultura non è frequentare un museo (lo è anche, naturalmente), è crescere personalmente nella coscienza delle cose, e Shakespeare fa capire le vicende umane più di chiunque, così come Dante ci fa sentire vicini al senso del bene e del male, più di ogni altro. La lista è lunga e ognuno ha la sua. La cultura è questo: la consapevolezza che cresce dentro di noi. Capire come si sta al mondo, che vita scegliamo di avere, come sentire gli altri vicini, uniti dalla comune umanità.

Nella concezione imperante, la cultura diventa e s’identifica con i “beni culturali”, con l’eredità materiale da tutelare. Un conservare per l’umanità. E se il presente potesse scomparire, sarebbe anche meglio. Come i Faraoni che mettevano nelle loro tombe le cose più care per averle con sé per l’eternità, così pensiamo che il ruolo della nostra generazione sia preservare i “beni” per quelle future, dimenticandoci del presente, dimenticando che servono anche a noi. Come sono serviti alla generazione che li ha generati. Ogni “bene culturale” è sedimentazione di vita, della comunità che l’ha usato, di storia che si è svolta intorno a loro e insieme a loro, senza nessuna “autorizzazione”. Tutelare è una qualità indispensabile, farsene imprigionare, no. L’idea che il “bene culturale” sia da isolare, immobilizzare, da rendere indisponibile, forse è solo un’idea italiana, forse è solo della generazione che ha governato questo mondo. Altrove non se ne trova traccia.

Non è perciò strano che chi sente la propria missione esclusiva nella conservazione dei beni, poi impronti sé stesso al massimo del conservatorismo. L’oggetto del lavoro, diventa il soggetto dell’identità. Almeno fossero ben conservati, ma purtroppo non è così. I crolli c’erano anche quando non c’era la spending review. È evidente che conservare è una condizione necessaria ma non sufficiente, per creare un mondo più ambizioso, rispetto alla “cura e tutela”.

C’è un altro infido luogo comune che bisogna debellare: il rapporto tra i soldi e la cultura. È convinzione generale che occorre creare valore dai beni culturali, insomma ricavarci qualche soldo in più, rispetto al poco di oggi. Allora qui parte un braccio di ferro insensato: i sovrintendenti-conservatori, quelli della cura e tutela, si lanciano con veemenza contro la “mercificazione”. Contro il potere demoniaco dei soldi (cui loro per definizione sono indifferenti), che piegherebbe la bellezza dell’arte alla meschina servitù del denaro. S’instaura perciò un’equazione corriva: più “valorizziamo” i beni culturali, meno potremo tutelarli e curarli. Quanto sia insensata questa equazione lo capisce chiunque, e tuttavia è quella con cui più facilmente si fa breccia nell’opinione pubblica. È un po’ come dire che la vita è una minaccia per la morte. Per altro, i buoni musei nel mondo vivono dei soldi pubblici, delle entrate proprie e dei soldi della comunità civile. Senza quest’ultimo aiuto è difficile far quadrare i conti.

E la minaccia più grande, secondo questi conservatori, sembrano le persone. Troppi turisti, che in quest’accezione non sono considerati come persone, come se il loro essere turisti li trasformi, con un maleficio oscuro, in primitivi minacciosi. Poi, non si capisce perché “tutti questi turisti” quando vanno al Metropolitan Museum di New York, e ci vanno in numero enormemente superiore che da noi, nessuno avverta minacce e danni, ma si assiste solo a gioia e vita. Il Metropolitan ha grande ospitalità, charme e vita mondana, ma anche una produzione scientifica notevole e ogni anno sforna studi, ricerche, papers di ogni tipo. Da noi l’ospitalità è spesso ostilità, mentre la produzione culturale è minima. Solo in rari casi si redigono relazioni sulle attività svolte, sull’uso delle risorse, sull’organizzazione dell’offerta, sui visitatori. Non è un problema genetico, perché i nostri storici dell’arte li ritroviamo in posti di responsabilità… all’estero. È un problema di come il personale è selezionato, di come fa carriera, e di come (si è impedito) il suo ricambio. Pareto direbbe che il sistema è chiuso e le nuove élite non hanno spazio, perciò, invece di esplodere, vanno altrove.

La verità è che i conservatori potendo, non vorrebbero troppa gente. O almeno, li vorrebbero a condizione di poterli “educare”. Entrarci però con la loro cultura pop, con il grado d’interesse che liberamente scelgono di avere, magari sorvolando sul quadro “fondamentale”, per dedicarsi a quello famoso, questo no, a loro non è concesso. La lezione di Warhol non è ancora acquisita. Quando un museo è senza visitatori, è un fallimento. Se poi la presenza della gente procura anche, come dovrebbe, entrate economiche, moneta di corso corrente, non è male per nessuno. Perciò, contrapporre la tutela alla presenza della gente e all’incasso di denaro, non ha senso.

E qui si arriva a un punto nodale, ora che i maggiori musei italiani hanno un’autonomia molto ampia. Diventerà ciascuno il luogo più importante e identitario della città? Nel mondo anglosassone gli stakeholders dei “beni culturali”, sono i cittadini, le istituzioni locali, le persone fisiche, persino le famiglie, oltre alle imprese e alle fondazioni benefiche. Ciascuno nel suo, ciascuno nella forma voluta e prevista (praticamente con una gamma infinita di possibilità) può dare il suo contributo: può finanziare, può utilizzare, può partecipare al suo governo, può avere gratificazione, dal nome inciso da qualche parte, all’intestazione di interi padiglioni. I musei producono vita e vivono della vita di ciascun soggetto. Sono patrimonio di tutti e devono parlare a tutti. Prendere un aperitivo serve alla causa, come sponsorizzare una mostra, o un restauro. Sono praterie da riempire e non riserve da preservare. Sono in sintonia con le pulsioni delle città, non luoghi asettici, improntati alla retorica del bello senza conseguenze.

Sono importanti, perché importano a tutti. E ognuno ha il suo mattoncino da aggiungere, avendo anche qualche gratificazione, perché siamo umani, non di marmo. Metterci vita nei musei, significa restituirli alla responsabilità delle comunità, non separarli. Dove è successo, c’è una grande lezione per gli “educatori”.

 

Fonte: http://www.huffingtonpost.it/antonio-preiti/musei-gente-rivoluzione-cultura_b_5747716.html?utm_hp_ref=tw

Leggi
11 2014 Ago

Il dovere di salvare le coste

IL DOVERE DI SALVARE LE COSTE
di Mario Tozzi, La Stampa 11 agosto 2014

I recenti dati sullo stato delle coste italiane sono terribili. Probabilmente nessun Paese, con uno sviluppo costiero così cospicuo (quasi 8000 km), ha maltrattato e distrutto il fulcro del suo patrimonio turistico.

E lo ha fatto con una perseveranza che non trova riscontro neppure in Grecia o in Spagna, e che non si ferma nemmeno davanti ai ripetuti allarmi per l’eccessivo consumo di suolo lanciati negli ultimi anni. In Italia l’occupazione delle coste è al 60% contro una media mediterranea del 40%, ma raggiunge vette dell’85% nel Lazio; in Liguria solo 19 km di coste su 135 sono liberi dal cemento, in Emilia Romagna 24 su 104. Il tutto aggravato da una feroce erosione delle coste che le ha ridotte del 40% negli ultimi decenni; erosione che trova la sua ragione nella moltitudine di dighe e cave lungo il corso dei fiumi che così non possono ripascere le spiagge.

Con le spiagge ce la siamo presa particolarmente: su circa 3500 km, quasi 1000 sono occupati dagli stabilimenti ufficiali, poi bisogna aggiungere campeggi, villaggi turistici, infrastrutture varie e le opere residenziali (molte abusive), arrivando a circa una buona metà del demanio marittimo occupato per usi privati. Solo il 29% delle coste italiane (circa 2200 ettari) è libero da insediamenti e integro. Quasi il 60% è invece stato già fatto oggetto di occupazione intensiva che ha comunque sempre comportato almeno la cancellazione della duna e della macchia. Come se non bastasse, il restante 11% è in via di occupazione.

Una volta la grande bellezza italica era anche il mare, ma negli ultimi 25 anni le nostre coste si sono sostanzialmente trasformate in aree urbane. Se aggiungiamo che siamo il paese più caro del Mediterraneo, per quale ragione i turisti stranieri dovrebbero venire, e soprattutto tornare, al mare da noi? E’ vero, il patrimonio artistico, storico e monumentale dell’ex Belpaese è ancora attraente, ma è sommerso dalla grande bruttezza di periferie inguardabili o assediato da costruzioni moderne nemmeno completate. Il valore di contesto, quello che rendeva unico un paese in cui, passeggiando in riva al mare, trovavi il teatro greco o il porto romano, le tagliate etrusche e i villaggi padani, è sfregiato orribilmente. Soprattutto è l’ambiente a essere stato impoverito e distrutto, così la qualità dei soggiorni, soprattutto dei turisti nord-europei è scaduta e ci lasciano a favore delle mete tradizionali (Grecia, Croazia e Spagna) o di quelle nuove (Cina e Sudest asiatico). Perché dovrebbero cercare una natura che non esiste più in Calabria o in Sicilia quando in Thailandia o Indonesia è ancora in gran parte intatta, costa molto meno e viene offerta con una ospitalità che noi abbiamo dimenticato? Forse fra dieci anni anche questi luoghi saranno ricoperti di costruzioni, ma questo è il nodo cruciale del turismo mondiale, la legge non scritta per cui, quando l’infrastrutturazione supera un certo limite, allora il godimento si abbassa in maniera intollerabile e arrivano le infiltrazioni malavitose. E la costa perduta è perduta per sempre.

Se vogliamo conservare e potenziare il motore economico del nostro sistema turistico estivo, abbiamo davanti una strada obbligata, che serve anche a tutelare natura e ricchezza della vita. Portare a 1000 metri dal mare il divieto di costruire (oggi è di 300) e applicare una moratoria di almeno cinque anni alle nuove costruzioni. Le coste sono i nostri gioielli di famiglia esattamente come i monumenti, per via di un legame fra cultura e natura che è da noi più stretto che altrove. Il nostro patrimonio non è tanto la somma dei monumenti, ma il contesto: quello che rende(va) unico in tutto il mondo un Paese che dovrebbe ancora porre a perno della propria identità nazionale e della propria memoria collettiva i valori culturali e naturalistici.

Leggi
10 2014 Ago

Kaulon, tesoro a rischio

Regione Calabria: “La tutela? Non è nostra competenza
L’ex colonia greca, oggi parco archeologico, è salva grazie a collette, opere di volontariato e i contributi occasionali delle istituzioni. Due mareggiate hanno eroso parte del tempio dorico. L’archeologo: “Se non si trovano soldi per salvaguardare l’area, bisogna coprire tutto entro l’inverno”

C’è un tesoro dimenticato nel profondo Sud Italia. È il parco archeologico di Kaulon, sul litorale di Monasterace, in provincia di Reggio Calabria, che rischia di essere risucchiato dalle onde del Mar Ionio per colpa dell’inettitudine politica. Lo scorso inverno due mareggiate hanno eroso la duna di sabbia che separa la polis greca dalla battigia provocando il crollo delle mura e degli altari del tempio dorico e della parte orientale dell’antico abitato.

Solo nell’emergenza il sito attira l’attenzione dei piani alti e qualche investimento straordinario. Come i 300 mila euro stanziati il 2 febbraio dal ministero dei Beni culturali per un piano di salvataggio dell’area. Ma “questi soldi potrebbero non essere sufficienti per la messa in sicurezza di tutta l’area lunga la costa”, avverte Maria Teresa Iannelli, direttrice della Sovrintendenza archeologica della Calabria. In questo momento sono all’opera i geologi per misurare la resistenza della sabbia e nei prossimi mesi è prevista la costruzione di una barriera di protezione. “Dopo la prima mareggiata la Provincia aveva stanziato 60 mila euro per realizzare una palizzata di pietre, che però non è servita ad arginare l’acqua sui lati durante la seconda burrasca – spiega Iannelli -. Oltre alla barriera esterna, ne servirebbe anche una subacquea per spezzare la forza del mare”.

L’ex colonia greca di Kaulon, scoperta nel 1911 dall’archeologo Paolo Orsi, è salva grazie a collette, opere di volontariato e i contributi occasionali delle istituzioni. “Fare gli scavi conta poco se non possono essere conservati nel futuro”, sottolinea Francesco Cuteri, 51 anni, l’archeologo che dal 1998 dirige gli scavi nel sito e nel 2013 ha portato alla luce il più grande mosaico di epoca ellenistica nella Magna Grecia, di 30 metri quadrati, raffigurante un corteo marino sulla pavimentazione della sala termale. Un anno prima nella Casamatta ne era stato ritrovato un altro, di 25 metri quadrati, con l’immagine di un enorme drago contornato da un rosone e motivi floreali. L’attiva di scavo si riduce a due mesi l’anno, luglio e agosto, e viene svolta gratuitamente dal team di Cuteri e dagli studenti dell’Università di Pisa e Firenze (vitto e alloggio almeno sono a carico del Comune di Monasterace e della Sovrintendenza dei beni culturali). L’ultimo restauro fatto risale al 2008.

“Il tempio però non siamo mai stati in grado di ristrutturarlo”, denuncia la direttrice della Sovrintendenza. Poi il grido di aiuto dell’archeologo: “Se non si trovano soldi per salvaguardare l’area, bisogna coprire tutto entro l’inverno”. Nel 2012, 44 studenti dell’Istituto comprensivo “Amerigo Vespucci” di Vibo Valentia hanno lanciato la campagna “Adotta il drago”, promossa sul portale web del Miur, per raccogliere i fondi destinati al recupero del mosaico del drago, che altrimenti sarebbe rimasto interrato. “Alunni, genitori e insegnanti della scuola hanno donato cinque mila euro, spesi in parte l’anno scorso per acquistare gli attrezzi e quest’anno per pagare il vitto agli archeologi – comunica la dirigente scolastica, Maria Salvia – Finora sul conto corrente della scuola c’è stato un solo versamento esterno, di 10 euro, da parte di un bambino di sette anni, che vive in Puglia e ha costretto il padre ad andare alle Poste per salvare il drago”.

La campagna “Adotta il drago” si inserisce nel progetto regionale “Calabria Jones”, che ha l’obiettivo di fare conoscere ai bambini i siti archeologici sul territorio. “Viviamo in una città con un alto tasso di criminalità organizzata, nel nostro istituto tanti studenti hanno i genitori in carcere – commenta la dirigente -. Attraverso iniziative del genere facciamo vedere ai ragazzi che ci sono alternative al degrado”. Ma una colletta scolastica non può bastare a risollevare un pezzo del patrimonio culturale italiano. La manutenzione dell’area non è in programma. Il taglio di erbacce e sterpaglie avviene una volta all’anno verso la metà di giugno. Per il resto la pulizia è affidata alla buona volontà dei cittadini di due associazioni, “Ereticamente” e “Orme del parco”, che da due anni organizzano la giornata “Ambientiamoci” per ripulire il luogo.

“Il cittadino deve smettere di essere spettatore passivo – chiosa Nuccio Cantelmi curatore del blog Ereticamente -. Dopo esserci occupati di salvaguardare il bosco dell’Archiforo di Serra San Bruno abbiamo deciso di accendere i riflettori su Monasterace perché rischia di scomparire per sempre e c’è veramente poco tempo per correre ai ripari”. “Il tempo delle deleghe in bianco è finito – dice invece Massimiliano Capalbo, amministratore di Orme nel Parco-. Ci sono alcune scelte strategiche che vanno compiute per il bene di questo territorio e noi vigileremo perché ciò avvenga. Non è importante chi andrà al governo di questa regione nel prossimo autunno, l’argomento ci appassiona poco. A chiunque andrà metteremo fiato sul collo”.

La Regione Calabria, interpellata, si difende dicendo che “la salvaguardia e la tutela di Kaulon non rientra nelle sue competenze” e che al massimo “può valorizzare” quello che già esiste. Allora perché non far pagare il biglietto ai visitatori? Solo nel 2013 sono passati di lì 4639 turisti senza versare un centesimo.

 

Fonte: http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/08/10/kaulon-tesoro-archeologico-a-rischio-regione-calabria-la-tutela-non-e-nostra-competenza/1069809/

Leggi
9 2014 Ago

La fine dell’archivio dei tesori pugliesi

DIMENTICATO NEL SEMINTERRATO FRA POLVERE E TOPI, LA FINE DELL’ARCHIVIO DEI TESORI PUGLIESI
Doveva essere digitalizzato, marcisce nell’ex convento di Santa Chiara occupato: compromessi disegni storici, rilievi architettonici della Soprintendenza dal valore inestimabile
di ANTONIO DI GIACOMO, La Repubblica-Bari 9 agosto 2014

La memoria a brandelli, fatta a pezzi dall’incuria. Stavolta è la storia dei beni culturali pugliesi a pagarne le spese, dimenticata com’è da chissà quanto tempo nel seminterrato dell’ex convento di Santa Chiara, dallo scorso 11 febbraio occupato da circa duecento migranti africani con lo status di rifugiati politici. Proprio pochi giorni fa l’architetto Emilia Pellegrino, responsabile unico del procedimento per il progetto di restauro di Santa Chiara e la musealizzazione del castello normanno svevo, aveva confidato non senza preoccupazione a Repubblica che “nel seminterrato c’è l’archivio dei disegni storici e dei rilievi della Soprintendenza ai Beni architettonici”.
Documenti preziosi, spiegava l’architetto, “come quelli che documentano il restauro della Cattedrale di Bari avvenuto nella prima metà del Novecento. Materiale cartaceo da preservare perché, sotto il profilo documentario, dal valore inestimabile e soprattutto non ancora digitalizzato”.

Oltre ogni pessimistica previsione, invece, la scoperta che Repubblica ha fatto dello stato in cui versa quello che ormai converrebbe chiamare “ex” archivio della Soprintendenza. Parole come degrado e abbandono, in effetti, sembrano eufemismi rispetto allo stato delle cose: basta attraversare un corridoio di ponteggi in legno, peraltro aperto a chiunque e piuttosto posticcio, e varcare così le soglie del seminterrato per prendere atto di una situazione disastrosa e in parte irrecuperabile.

Più che un archivio sembra di essere catapultati in una discarica dove, in luogo dei rifiuti, trovano posto disegni e rilievi architettonici e fotografie storiche dei beni culturali pugliesi, prima e dopo i loro restauri. E poi ancora: progetti e faldoni d’archivio che testimoniano gli interventi ai quali sono stati sottoposti i monumenti pugliesi fra castelli, chiese, palazzi storici, insediamenti rupestri e qualsiasi altro bene sia finito sotto tutela nelle province di Bari, Barletta-Adria-Trani e Foggia.

Ed è senza parole l’urbanista Dino Borri, presidente regionale del Fai, dinanzi allo spettacolo che gli si presenta dinanzi agli occhi. “Non capisco perché questa roba non sia stata trasferita all’archivio di stato provinciale” esordisce stupefatto: “Il contesto in cui sono stati abbandonati questi materiali è disastroso: umido, pieno di polveri, di aerosol marino che entra dalle finestre aperte e presumibilmente di topi che mangiano la carta, plastica e anche le foto. Si nutrono di questa roba. È un vero disastro: pochi mesi e quelle poche cose che ancora restano vanno in fumo. Bisogna salvare il salvabile e presto, sperando non accada quanto avvenne nel ’91 quando all’arrivo dei primi freddi gli albanesi nello stadio per potersi riscaldare fecero un falò dell’intero archivio comunale”.

Rispetto al materiale conservato, poi, secondo Borri si tratta di “un patrimonio documentario pubblico di estrema rilevanza perché qui ci sono le tracce di tutti i principali restauri avvenuti in Puglia intera fra chiese, palazzi, castelli. Ora non si capisce bene come siano finiti in questo stato. Chi ne sia stato il responsabile e quali possano essere le prospettive perché forse, e sottolineo forse, qualcosa si può ancora recuperare”.La circostanza, poi, che l’archivio giaccia nel seminterrato di un edificio oggi occupato è solo un dettaglio, a margine della vicenda.

“Non darei certo la colpa di questo scempio ai migranti, soprattutto perché – accusa Borri – questi faldoni e disegni non sono mica stati abbandonati qui in seguito all’occupazione di Santa Chiara. Fra l’altro qui è tutto aperto, alla mercé del primo che capita. È molto grave dunque aver lasciato l’archivio in questo spazio e bisognerebbe, ripeto, individuare le responsabilità, visto che l’impressione è che siano qui da diversi anni”.

Rispetto alle conseguenze di quest’abbandono e alla compromissione di disegni e rilievi “potrebbe essere stato pregiudicato pesantemente il restauro futuro di diversi tesori del nostro patrimonio culturale, visto che edifici di questa importanza durano nei secoli e periodicamente hanno bisogno di restauri. E ogni intervento successivo fonda sulle tracce del passato, sicché la distruzione di queste tracce compromette il restauro e la vita futura di un monumento. E non è rassicurante che alcuni di questi disegni possano essere copie, i rilievi e le fotografie sembrano non esserlo, ma gli originali potrebbero essere scomparsi negli studi professionali o perduti chissà dove in qualche altro archivio. I rilievi, in particolare, sono fondamentali prima di ogni restauro e per di più costosissimi: perderli è un danno sia per la tutela dei beni che per le casse dello Stato”.

Ma tant’è. A scendere nei sotterranei dell’archivio perduto insieme con Repubblica c’è anche lo storico dell’arte Maurizio Triggiani, docente di Tutela dei beni culturali nella sede jonica dell’Ateneo barese. “Questo luogo è una metafora di come anche la memoria possa essere dimenticata” suggerisce: “È un paradosso, ma credo sia utile per sottolineare come anche la memoria delle azioni di salvaguardia possa andare perduta”.

E come Borri anche Triggiani fruga fra i documenti accatastati al pari di rifiuti e coperti da una coltre di polvere se non accartocciati per l’umidità e le infiltrazioni d’acqua. “Si tratta di materiale preziosissimo non solo per gli studiosi ma – continua – anche per chi si occupa dei restauri. Ho sfogliato diversi disegni e, lo ammetto, ho avuto la tentazione di portare via di qui alcuni faldoni che contenevano i rilievi che l’architetto Angelo Ambrosi ha fatto chissà quanti anni fa per la chiesa di San Giorgio Martire e la planimetria di alcuni insediamenti rupestri come la chiesa della Caravella, solo per citare almeno un paio di luoghi noti qui a Bari. Ci ho rinunciato, naturalmente, perché confido che la Soprintendenza e la direzione regionale per i Beni culturali interverranno a tutela di questo patrimonio non appena saranno a conoscenza del disastro in atto”.

E se archivio perduto a parte resta in piedi l’urgenza di completare il restauro del complesso di Santa Chiara – deve essere compiuto entro il 30 giugno 2015 insieme con la musealizzazione del castello, pena la perdita dei fondi europei pari a 8 milioni di euro – Triggiani pone l’accento proprio sulla valenza architettonica e storica di quello che potrebbe essere ribattezzato sotterraneo della vergogna.

“Questo labirinto di cunicoli e arcate medievali è quanto rimane degli edifici conventuali di Santa Chiara che – ricorda – risalgono al XVI secolo. Secondo fonti storiche accreditate insisterebbero su insediamenti ben più antichi e, infatti, nel XIII secolo proprio in quest’area sorgeva la fondazione monastica di Santa Maria degli Alemanni, appartenuta insieme con l’ospedale ai cavalieri teutonici. Si parla, dunque, di un luogo degno della massima tutela, anche in ragione delle eventuali rinvenimenti e scoperte archeologiche che potrebbero avvenire in un futuro che mi auguro migliore per i beni culturali in questa città”.

Fonte: http://bari.repubblica.it/cronaca/2014/08/09/news/topi_ddd-93484609/